13/01/2021 20:05

Urlo Tezenis: a Milano
vince 72-75, 3ª di fila

La Tezenis espugna l’Allianz Cloud Arena di Milano, esattamente come nell’ultima partita prima dello stop per la pandemia nella scorsa stagione, infila la terza vittoria consecutiva e aggancia l’Urania a quota 8 in classifica.

72-75 il risultato per i giganti gialloblù, artefici di una prova di grande solidità e durezza mentale, che conferma la crescita intrapresa nelle ultime partite dopo il sofferto avvio di stagione. Il lavoro di Diana sta pagando e la squadra risponde con un miglioramento costante in difesa e nella tenuta mentale, nonostante le assenze pesanti di Rosselli e Caroti (anche oggi non utilizzato per la frattura al volto), oltre che di Pini, sempre più vicino al rientro.

Un successo marchiato dalla prova in attacco di Candussi (20 punti, dei quali 17 in un primo tempo strepitoso) che ha festeggiato nel migliore dei modi i 1000 punti in maglia gialloblù e dall’apporto da leader nel finale di Phil Greene: 19 punti ma soprattutto suoi gli ultimi 8 punti veronesi, la tripla del sorpasso sul 68-70, un altro trepunti per il controsorpasso (71-73) a 80” secondi dalla fine e poi una penetrazione in traffico per il +4 a 34” dalla fine, nonostante fosse l’osservato speciale della difesa meneghina.

La Tezenis parte bene: 0-5 con Tomassini e la tripla di Jones, l’Urania - reduce dalla vittoria contro Torino, primo successo casalingo della stagione - aggancia sul 10-10 e poi sorpassa: 15-12 con la tripla di Raivio. Alla prima pausa Verona ancora avanti 17-18 con un triplone di capitan Tomassini.

Nel secondo quarto la partita cambia padrone 13 volte. Candussi troneggia nell’area colorata, il mis-match è impietoso per i Wildcats, Villa si affida anche al 2001 Pesenato, dopo il diciassettesimo punto del Candu la Tezenis tenta lo strappo con un canestro di Severini innescato in contropiede da Tomassini. La gara s’interrompe per qualche minuto a 34” dal riposo per un guasto al tabellone elettronico, si prosegue fino all’intervallo con il cronometraggio manuale: 37-40.

Nella ripresa la banda di Andrea Diana dà l’impressione di essere sciolta e con Tomassimi, Greene e una tripla di Candussi tocca il massimo vantaggio sul 40-47, ribadito da Jones che sfrutta l’assist dello stesso centro gialloblù. Sale in cattedra Langston che segna 5 canestri di fila dominando nel pitturato. E’ lui il protagonista assoluto del parziale 9-0 (dilatato al 13-2) con cui l’Urania capovolge la partita: 60-54 prima del canestro di Colussa che sulla sirena corregge la sua stessa schiacciata sbagliata.

Nell’ultimo quarto prevalgono le difese in una partita caratterizzata da soltanto 7 liberi totali. Verona concede appena 12 punti ai padroni di casa, Janelidze confeziona allo scadere del possesso una giocata che vale oro, Raivio e Benevelli tengono in galleggiamento Milano, 5 punti di Bobby Jones a cavallo del time-out chiesto da Villa riportano avanti la Tezenis (65-67). A 5’16” rientra Candussi per Giga. Raivio su assist di Langston firma il controsorpasso milanese (68-67), Greene replica dalla grande distanza quando mancano ancora 4 minuti. I padroni di casa tornano avanti con una tripla di Montano: 71-70 a -3’11”, la partita resta a lungo inchiodata, ma Scaligera non capitalizza gli errori dell’Urania. Dopo quasi 2 minuti un lampo di Greene sblocca la situazione e spiana la strada alla vittoria gialloblù.

Domenica 17 gennaio ancora una trasferta sul campo di Torino. (Mariobasket)