15/09/2020 09:25

Kumbulla-Roma
Il piano del Verona

Proprio come successe qualche anno fa con Iturbe, la Roma a sorpresa ha sorpassato tutte le concorrenti nella corsa a Marash Kumbulla.

La società giallorossa, davanti all’empasse per arrivare a Smalling ha deciso di virare decisamnte sul gioiellino del Verona che ora è davvero vicino alla cessione.

Setti che chiedeva 30 milioni di euro per il difensore del 2000, lanciato e consacrato da Juric, dovrà accontentarsi di una formula di pagamento dilazionata.

In pratica Kumbulla andrà alla Roma in prestito con obbligo di riscatto fissato a trenta milioni. Valutazione che la Roma vorrebbe comprensiva anche di Cetin che entrerebbe nell’affare portando dunque l’incasso veronese a meno di 25 milioni.

Cifra comunque imponente che si aggiungerà ai circa quaranta milioni che Setti ha già incassato per Rrahmani e Amrabat e che imporrà un deciso cambio di passo ad una campagna acquisti finora sottotono. Mai il Verona nella propria storia ha avuto tanti soldi garantiti, mai la società scaligera è stata così vicina ad un importante consolidamento che dovrebbe permetterle di vivere serenamente e alungo in serie A. L’obiettivo di Setti dopo il prlungamento del contratto di Juric e del suo staff.

Sabato il Verona incontrerà proprio la Roma nella prima gara del campionato 2020-2021 con una squadra, sulla carta ovviamente, più debole rispetto a quella della passata stagione e a cui mancano ancora pedine fondamentali, come ad esempio l’attaccante che tutti i tifosi del Verona e Ivan Juric aspettano con ansia.

Ma i dirigenti veronesi hanno pronto un piano che dovrebbe portare a integrare la rosa entro la fine del calciomercato: un trequartista di qualità oltre al ritorno di Pessina e Salcedo in prestito, l’arrivo di un forte centravanti e probabilmente anche un centrocampista che rinforzi ulteriormente il centrocampo. Mosse che ora vanno concretizzate e velocizzate per essere competitivi fin da subito. (g.vig.)