28/06/2020 22:54

“Abbassarmi mi fa schifo
ma non avevo scelta”

“Rammarico per questa vittoria sfumata negli ultimi secondi? Abbiamo dato tutto quello che avevamo in questo momento. Purtroppo abbiamo preso dei grandissimi gol, tra cui l'ultimo di Rogerio da venticinque metri e con il piede debole, per cui c'è un po' di dispiacere. Però sono contento della prestazione dei ragazzi, di quello che hanno messo in campo e anche di come si sono comportati quelli che avevano meno allenamenti sulle gambe. Hanno dato tutto, il punto va benissimo. Se si cominciano a far sentire il caldo e gli impegni ravvicinati? Se c'è stato un calo fisico da parte nostra è dipeso anche dal fatto che alcuni dei nostri ragazzi avevano fatto solo 10 allenamenti ’veri’ negli ultimi mesi, ma è stata una scelta mia quella di arretrare un po' il baricentro della squadra. Non siamo più riusciti ad essere aggressivi: prima dello stop del campionato avremmo continuato a pressare alto come sempre, ma per i ragazzi non è facile reggere questi ritmi. In vantaggio avremmo dovuto essere più lucidi ma, seppur non mi piaccia difendermi ‘basso’, quella mi sembrava l'unica scelta anche se rimanere dietro ad aspettare mi fa schifo”. Così Ivan Juric parla al termine di Sassuolo-Verona, finita 3-3.

Juric ha concluso: “Il Verona può pagare più di altri la poca 'profondità' della rosa? La verità è che alcuni ragazzi in questo periodo hanno avuto problemi fisici e non sono riusciti ad allenarsi con la squadra. Alcuni hanno fatto tutta la preparazione, altri, invece, come Gunter, hanno fatto solo una settimana di allenamenti. Se penso all'Europa? In questo momento siamo molto, molto vicini al nostro obiettivo della salvezza. A me spiace ci sia stato lo stop del campionato, perché stavamo veramente bene come squadra. Ora vediamo come riusciremo a presentarci mercoledì con il Parma, ma daremo senz’altro il massimo”.