06/11/2019 15:15

Grosso: A Verona ero
ancora in corsa play-off

"È la prima volta che mi capita di subentrare: ho trovato un gruppo disponibile, c'è un bel mix. Riusciremo a raggiungere l'obiettivo: cioè salvarsi, anche all'ultimo minuto dell'ultima partita. Sono convinto che le caratteristiche sono giuste per poter arrivare alla salvezza. Nel mio passato c'è l'utilizzo di tanti moduli, spesso ho schierato la difesa a 4”. Così Fabio Grosso si presenta come nuovo allenatore del Brescia.

Il tecnico abruzzese ha parlato anche dell’episodio a Verona: “Balotelli? Lo avevo già intravisto da ragazzino all’Inter e le doti erano già evidenti. Poi ha fatto qualche errore in passato che lo ha messo al centro degli attacchi. Gli serve una corazza per difendersi, lui è un ragazzo generoso e sorridente. Sono convinto che dimostrerà il suo valore, gli manca solo continuità. L’episodio di Verona? Non bisogna dar voce a pochi stupidi, serve colpire chi rovina tutto all’interno dello stadio, c’è poco da commentare. Continuare a parlarne vuol dire dare importanza a pochi stupidi, dobbiamo saper crescere e migliorare. Le ultime esperienze in panchina? So di essere stato al centro delle critiche, me le sono prese ma bisogna considerarle con onestà”.

“Chi sa analizzare in maniera onesta è in grado di capire - ribadisce Grosso a chi gli fa notare dei fallimenti tecnici - si possono scoprire tante cose che sono state dette. A Verona a due giornate dalla fine eravamo ancora in corsa per i playoff, le cose si possono vedere da varie angolazioni”.