05/11/2019 18:04

Chiusura,Setti e Barresi:
Capro espiatorio, stupiti

"Siamo un capro espiatorio". Lo ha affermato il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, in una dichiarazione rilasciata a Rainews 24, dopo la decisione del giudice sportivo che ha disposto un turno di chiusura per il settore 'Poltrone Est' dello stadio Bentegodi, dal quale sono partiti gli ululati razzisti contro Mario Balotelli.

Queste invece le parole del Direttore Operativo dell’Hellas Verona Francesco Barresi, rilasciate a Sky Sport: "Il provvedimento nei confronti di Luca Castellini? E’ una decisione presa dopo un’attenta riflessione nella giornata di lunedì. Non abbiamo mai tollerato e mai tollereremo comportamenti di questo tipo, combattendo qualsiasi forma di discriminazione. Abbiamo proceduto ad emettere questo provvedimento perché il soggetto in questione si è dimostrato estraneo a quelli che sono i principi e i valori che il Club pretende da qualsiasi sportivo e appassionato che possa far parte del nostro mondo e, quindi, venire allo stadio. La chiusura per un turno del settore Poltrone Est? E’ una decisione appena arrivata: valuteremo gli atti e poi decideremo come muoverci. Devo però dire sin d'ora che il provvedimento ci lascia perplessi e anche stupiti, giacché lo riteniamo molto duro, specie se si arrivasse all'individuazione di quei pochi soggetti, come specificato dal Giudice Sportivo, nel contesto di un settore di migliaia di tifosi (ce n'erano 3150, contro il Brescia). Vogliamo vederci chiaro, perché riteniamo che non sia corretto punire un intero settore per pochi individui, che stiamo cercando di individuare per tutelare le tantissime persone e le famiglie che tifano in modo sano l’Hellas Verona da molti anni".